La gara partendo da Lecco porterà gli atleti ad attraverso le prealpi lombarde, piemontesi e del Canton Ticino passando da quattro boe obbligate prima di raggiungere l’arrivo a Suello. Non mancheranno di certo notevoli difficoltà lungo Il percorso stabilito che metteranno a dura prova le capacità tecniche, la caparbietà e la resistenza degli atleti.

Allenamento

Gli atleti di Hike&Fly sono tali in quanto la loro preparazione è simile a quella dell’atletica. Da 4/5 mesi a un anno prima inizia il loro allenamento che è fatto di: corsa, arrampicata, sci d’alpinismo, bicicletta, nuoto ma soprattutto una grande esperienza di volo e una pratica costante.

Scelta dell’equipaggiamento

La scelta dell’equipaggiamento di volo che devono portare in spalla è accuratissima. Ogni cosa conta, dai grammi di un selletta a quelli di una vela. Dallo strumento di volo integrato con lo smartphone per risparmiare peso, alle scarpe, la felpa e perfino il cappello.

La squadra

Il team di supporto dell’atleta è preziosissimo. A loro il compito non solo di seguire l’atleta più da vicino possibile per provvedere a eventuali esigenze di cali d’energia, ma anche il suggerimento sul percorso migliore, la linea di volo più efficiente e la valutazione meteo. Parte del sul successo di una gara nasce proprio da questo: il perfetto affiatamento tra il pilota e il suo team.

La fortuna

Una gara di Hike&Fly è strettamente connessa alla natura. Si deve tenere conto delle condizioni del percorso: quanto è bagnato, se c’è o meno neve, la presenza di fiumi che tagliano la strada insieme con le condizioni atmosferiche: l’impossibilità di volare con la pioggia, i temporali che rendono pericolossisimo essere in aria, un forte vento contro o un vento che rende impossibile il volo. La fortuna di avere una settimana di cieli sereni e vento favorevole è fondamentale.

Tutti possono far parte di una squadra

Anche se non siete atleti e non vi interessa volare magari vi capiterà, uno di questi giorni, di
incontare un ragazzo che corre lungo la strada con un grosso zaino in spalla. Se succede
accompagnatelo per un pezzettino, fategli compagnia, incoraggiatelo e offritegli un po’ d’acqua:
avrete contribuito anche voi al successo della squadra!